Come si affronta un progetto d’interni? Le 7 fasi dal briefing con il cliente alla realizzazione

Dei progetti d’interni pubblicati sulle riviste o sui siti web, conosciamo sempre e solo il risultato finale, la punta dell’iceberg. Ma come si affronta un progetto di arredamento d’interni? Da dove si parte e qual è il percorso dell’ interior design dall’ideazione al progettoEcco i passaggi fondamentali da seguire per realizzare un progetto di interior design.

     1- briefing col cliente
     2- spazio dell’intervento (misure e fotografie)
     3- primi schizzi e moodboard
     4- definizione del progetto e disegni esecutivi
     5- scelta dei materiali, fornitori e preventivi
     6- calendario dei lavori
     7- realizzazione

1- BRIEFING COL CLIENTE

Il briefing è un momento fondamentale perché è dove si stabiliscono le basi di fiducia col cliente. Va da sé che una buona base relazionale renderà fluido il lavoro e soprattutto il cliente si lascerà  guidare se si  sente in buone mani, godendo di un servizio dove demandare tutti gli aspetti problematici in tutta tranquillità.

Per creare questa relazione di fiducia e per organizzare al meglio i desiderata del cliente, ti propongo un questionario tipo, in modo da considerare tutti gli elementi che il progetto di arredamento dovrà contenere e le esigenze da soddisfare.

QUESTIONARIO SUGLI ABITANTI

  • Numero dei componenti/abitanti
  • L’età dei componenti
  • L’occupazione di ciascuno
  • Gli hobbies e gli interessi (cucina, musica, video o giardinaggio)
  • Lo stile di vita e le abitudini (viaggi, inviti, eventuali ospiti)
  • Ci sono molti libri?
  • Si necessita di uno spazio per lavorare anche se occasionalmente?
  • Ci sono bambini?
  • Ci sono anziani o disabili?
  • Animali domestici?

progetto arredamento interni

2- SPAZIO DELL’INTERVENTO

Dopo il primo incontro è il momento del sopralluogo per valutare lo spazio su cui si andrà  a intervenire. Qui dovrai rilevare le misure delle stanze prendendo nota anche degli impianti, sanitari, caldaia, impianto elettrico e di climatizzazione.

Guarda con attenzione i materiali presenti e se ci sono particolari architettonici che vale la pena di mantenere, pavimentazioni, rivestimenti, porte e finestre, considerando dove conviene sostituire o dove può bastare un ripristino. Valuta l’orientamento solare se bisogna modificare la disposizione dei locali.

Fai le fotografie dello stato di fatto e dei particolari architettonici. Le foto sono molto utili in fase di progetto, ma anche al termine del lavoro per evidenziare il cambiamento. Ti allego un questionario sulla casa come esempio, naturalmente da adattare alle esigenze caso per caso.

QUESTIONARIO SULLA CASA

  • 1. Sentite che lo spazio nella casa è adeguato?
  • 2. Se no, per quali attività c’è bisogno di più spazio?
  • 3. La distribuzione degli ambienti funziona o ci sono sprechi?
  • 4. Bisogna variare il numero delle stanze o c’è bisogno di qualche angolo dedicato?
  • 5. Le stanze sono troppo grandi rispetto alla zona soggiorno?
  • 6. C’è bisogno di un bagno in più?
  • 7. E’ possibile creare cabine armadio liberando spazio nelle camere?
  • 8. Vale la pena di salvare alcuni elementi architettonici di pregio (ad esempio
  • pavimenti o altri elementi quali porte interne o rivestimenti)?

Una volta fatta l’analisi della situazione si può iniziare il progetto d’interni. Già queste prime considerazioni saranno utili come punto di partenza, dando un orientamento su come procedere. Un’attenta pianificazione evita molti errori ed è importante per non perdere di vista l’insieme del progetto, che deve risultare coerente.3- PRIMI SCHIZZI E MOODBOARD

Sicuramente durante le fasi preliminari del progetto d’interni, ti saranno già venute idee e ispirazioni; sia il luogo che la tipologia di cliente ti avranno orientato verso la scelta di uno stile in sintonia col luogo e con le persone. In questa fase l’intuizione è fondamentale per centrare il mood del progetto di arredamento che si andrà a sviluppare.

Comunica al cliente le prime idee per due ottimi motivi:

  • Per verificare se sei sulla strada giusta (ed aggiustare il tiro eventualmente)
  • Per entusiasmare il cliente coinvolgendolo a livello emozionale.

Gli strumenti più adatti a questa fase sono gli schizzi a mano (se non sei proprio un asso della matita si può sempre porre rimedio), oppure il Moodboard che in maniera chiara e immediata permette al cliente di cogliere l’atmosfera del progetto.

4- DEFINIZIONE DEL PROGETTO

Una volta ricevuta l’approvazione, passerai alla fase in cui le idee vengono verificate attraverso il disegno in scala. Il disegno (che sia a mano o al computer) è il momento in cui emerge la fattibilità del progetto, lo specchio esatto di quanto potrai realizzare e della qualità del lavoro. Il disegno corretto non mente e ti permette di risolvere qualunque situazione a priori. Ecco perché è così importante imparare il disegno in scala: più approfondirai il progetto di arredamento attraverso il disegno, meglio sarà la realizzazione. Può darsi che molte scelte non ti siano ancora chiare, lasciati il tempo per maturare le soluzioni ottimali, un piccolo margine per apportare modifiche.

5- SCELTA DEI MATERIALI DEI FORNITORI E PREVENTIVI

Questo è un momento delicato del lavoro perché la sua riuscita dipende anche dai collaboratori ed esecutori a cui ti affiderai. Anche queste collaborazioni (come tutte le altre) vanno costruite col tempo. Se non hai ancora la tua impresa di fiducia, meglio farti consigliare da chi ci è già passato e magari spendere un po’ di più, piuttosto che scegliere sulla base di preventivi fin troppo accattivanti. Una regola che vale sempre è cercare di chiarire il più possibile ogni dettaglio per evitare sorprese. Sempre meglio comunque avere più di un preventivo e capire bene a che cosa si devono le differenze di prezzo.

6- CALENDARIO DEI LAVORI

Una volta scelta l’impresa e i materiali, bisogna definire precisamente il calendario delle opere che ha una scaletta ben precisa. Soprattutto assicurati che tutti i materiali siano consegnati in tempo utile per la posa ed eventualmente valuta le possibili alternative.

Ecco di seguito la scaletta delle opere per la realizzazione del progetto d’interni

  1. Demolizioni
  2. Costruzioni
  3. Tracciamento e posa degli impianti
  4. Intonacatura e finitura pareti (piastrellatura) e pavimenti lapidei
  5. Posa dei sanitari e rubinetterie
  6. Posa della caldaia/scaldabagno
  7. Sostituzione o ripristino porte e finestre
  8. Verniciatura pareti
  9. Posa del parquet

7- REALIZZAZIONE

Se il progetto d’interni e la pianificazione sono stati eseguiti in maniera efficace, potrai affrontare la fase della realizzazione con maggiore tranquillità, pur sapendo che gli imprevisti sono all’ordine del giorno. Dovrai essere presente sul cantiere quotidianamente e controllare ogni cosa, soprattutto evita di delegare qualsiasi scelta, anche la più banale.

Tieni presente che molte volte il passaggio dal disegno alla realtà mette in luce proporzioni o effetti imprevedibili, pertanto devi essere pronto a trovare soluzioni rapide ed  efficaci. Naturalmente è tutta questione di pratica. Possibilmente, se sei alle prime armi, è meglio farti affiancare da un bravo professionista che ti possa supportare.

Al termine del lavoro non dimenticare di fare le fotografie. Ancora meglio documentare tutte le fasi dal principio. Potrai commentare il risultato finale insieme al cliente, sarà entusiasmante osservare la trasformazione!

Il progetto di arredamento online
Oggi esiste la possibilità di utilizzare servizi di arredamento on line, le 7 fasi sono ancora valide?

Tutto dipende dalla richiesta del cliente: di solito la progettazione on line si avvale di professionisti indipendentemente dal luogo, spesso il cliente richiede il progetto e ha già l’impresa per la realizzazione. Pertanto dei 7 passaggi ci si ferma al punto 3 l’deazione o al punto 4, ai disegni esecutivi.  Altre volte invece il committente richiede diverse idee per avere un  ventaglio di offerte a disposizione e poi decide di ingaggiare il professionista scelto. In ogni caso l’iter per affrontare il progetti di interni non cambia.

Conclusioni

Questa è soltanto una breve descrizione. Se ti piacerebbe avere  approfondimenti su una fase particolare del progetto a scegli tu l’argomento, provvederemo a soddisfare le richieste.


Grazie ai alle tue preferenze vorremmo che quest’area diventasse sempre più interattiva per rispondere alle persone appassionate di interior design e a chi vorrebbe farne una vera e propria professione.

Share